UNA GRANDE RETE DINAMICA

Nove anni di Dinamico!
Questo festival nato piccolo piccolo è cresciuto tanto, non solo in termini quantitativi, ma soprattutto per la qualità e la varietà dell’offerta. Tanti i progetti collaterali che da qui sono nati e tanto questo pubblico che, di anno in anno, è cresciuto con noi, arrivando ad apprezzare e amare spettacoli sempre più difficili e sperimentali. Questo perchè il Dinamico continua a fare rete: che si tratti di professionisti del settore, di attività private, dei tanti volontari che animano il festival, i quattro giorni nel Parco del Popolo sono la prova dell’importanza di costruire comunità “affezionate”.

In grande fermento e sotto i riflettori nel nostro Paese, per il circo diventa ogni anno più rilevante costruire e produrre ragionamenti e azioni che ne permettano una crescita sana, oltre che lo sviluppo di contributi interessanti, innovativi e sorprendenti . Dall’importante collaborazione con I Teatri nasce la possibilità di portare a Reggio opere di circo nate per la sala teatrale, che potrete vedere alla Cavallerizza.

Continua anche il sodalizio con la scuola torinese di circo FLIC che, oltre a permettere a diversi studenti di “agire” attivamente all’interno del festival come volontari, si evolve anche a livello artistico. Quest’anno la scuola presenterà infatti tre spettacoli emersi dalle residenze di ex-allievi. L’amore e la passione per il circo contemporaneo italiano fanno di Dinamico un “porto sicuro” per le compagnie del nostro paese, un luogo dove venire a confrontarsi con un pubblico curioso e ormai avvezzo a diverse tipologie di spettacolo. Una nuova creazione firmata Magda Clan, “Sic Transit,” le due anteprime di “Piume” ed “Evanescente”, nonché la prima di “Granelli”, per terminare con l’affermatissimo “Johann Sebastian Bach”. Sono tutti grandi spettacoli italiani che troverete al Dinamico.

Come sempre, e forse più di altri anni, anche uno sguardo all’internazionale. Quest’anno avremo molti ospiti catalani, con le compagnie Los Galindos, Eia e l’affermatissimo Leandre. Dalla Francia LPM con Piti Peta Hofen, Soralino (in parte italiana) con l’acclamato Inbox e Santa Madera di MPTA. Dal Belgio infine, Hoopelai e Le Collectif A Sens Unique con Legere Demele. Continua il “FuoriDinamico”, ovvero tutto il circo al di fuori del festival al Parco del Popolo! Dopo la presenza di Magda Clan e Side a Maggio negli spazi della Polveriera, prosegue nelle domeniche di Settembre grazie ad una collaborazione con il Teatro Piccolo Orologio e MaMiMò per le date del 15 e 22 settembre e con Festival Aperto (promosso da I Teatri) e Aterballetto per le date del 27 e 28 settembre (trovate tutte le info nel programma 2019). Insomma preparatevi anche quest’anno a ad una bella avventura.

 

 

I DINAMICI

Direzione artistica e organizzativa

Elena Burani

Direzione produzione e organizzativa

Paolo Burani

Assistente alla direzione e sviluppo del pubblico
Matteo Giovanardi

Supervisione progetto culturale

Giovanna Milano

Direzione tecnica spazi spettacoli

Luca Carbone

Comunicazione e ufficio stampa

Agnese Spinelli

Scenografia

Luca Prandini, Davide Cavandoli

Accoglienza artisti

Enea Burani, Coop La Collina

Ristorazione

Virginia Anceschi, Luciana Bertocchi

Coordinamento bar

Alessandro Acquotti

Responsabile sicurezza

Alex Iemmi

Consulenza amministrativa

Riccardo Iotti, CentroTeatrale MaMiMò

Grafica

Up Comunicazione

Illustrazioni

Cristiano Grandi

Video

Eduardo Becchimanzi, Alessio Cosa

DINAMICO FESTIVAL è un progetto di Dinamica Associazione di Promozione Sociale

SEGUICI
  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Twitter Icon
  • White YouTube Icon